La storia lesa

“Ricordiamoci sempre che per fortuna noi la guerra l’abbiamo persa”
Predappio. Gadget fascisti

Se la storia fosse maestra di vita dovrebbe almeno far suonare degli allarmi nella testa delle persone che la conoscono.

In realtà non lo è affatto e ricordo dai tempi dell’Università che già Marc Bloch aveva un po’ demitizzato questa cosa che la storia sia lì per darci lezioni perché non è quasi mai stato vero che uguali fattori ricombinati abbiano generato uguali conseguenze. Bloch diceva che nel cercare nel passato i modelli del presente si commetteva un delitto di lesa storia.

Capita così in questo periodo così pazzesco ed inedito che si continuino a commettere errori grossolani ed evidenti con il solo scopo di consolidare alcune zone di comfort, alcune identità traballanti.

É capitato anche a Fidenza […] Continua a leggere “La storia lesa”

Il pericolo di un fascismo normale


Nel bar sottocasa dove a volte bevo il caffè ci sono dei manifesti con una frase, che avrebbe potuto scrivere mia nonna, ma la firma di Benito Mussolini. Non è un caso, è un pericolo.

La settimana che va dal 25 aprile al 1 maggio per me è la più bella dell’anno, l’ho già scritto e non una volta sola, anzi spesso.

Ne scrivo ancora per affrontare un aspetto che mi sembra stia diventando un’emergenza e perché credo di poter scrivere che questa cosa abbia cominciato ad […] Continua a leggere “Il pericolo di un fascismo normale”