Blog

Umani senza confini

Intervista ad una pattuglia di rover e scolte che in un settembre bolognese  ha dimostrato che il futuro è pieno zeppo di speranza, e presto lo andrà a dire alle Comunità capi.

Dice Michela Murgia nel suo ultimo libro che per cambiare il mondo (che sarebbe il fine ultimo dello scoutismo, sintetizzando) servono rivoluzioni plurali dal basso, rivoluzioni che tutti possiamo fare, tutti i giorni. Dice che salveranno il mondo perché contribuiranno ad un nuovo racconto plurale della realtà, capace di abitare le frontiere. Continua a leggere “Umani senza confini”

Annunci

Fidenza è in emergenza climatica, ma è solo l’inizio

Nel Consiglio Comunale del 16 settembre è stata votata all’unanimità l’Ordine del Giorno sulla “Dichiarazione emergenza climatica” depositato in estate.

Un Ordine del Giorno assolutamente inutile, di quelli che sarebbero piaciuti ad alcuni consiglieri di minoranza della passata legislatura, che quando approvammo una mozione che chiedeva al sindaco di partecipare – non credo l’abbia fatto, ma a questo punto è uguale – al movimento di pressione sul presidente Trump perchè cambiasse idea sull’adesione del suo paese agli Accordi di Parigi, se la giocarono sui social dicendo che effettivamente avevano letto lanci di agenzia su un Trump terrorizzato dalle nostre prese di posizione. Forse se lo ricordano. Continua a leggere “Fidenza è in emergenza climatica, ma è solo l’inizio”

I social network senza metriche

Ho letto un documento molto interessante nelle scorse settimane. Lo trovate cliccando qui, non lo commento se non annotandone i risultati principali, che servono soprattutto per spiegare perchè preferisco di gran lunga questo strumento (e le sue relative newsletter) ai social network. Che infatti aggiorno pochissimo e senza sapienza alcuna.

C’è tutto un delirante groviglio di tossine dietro la corsa alla desiderabilità sociale e le metriche la incoraggiano come l’ossigeno il fuoco. Anche nel dibattito locale è tutta una confusione di pagine anonime, oggetto di boicottaggi inutili e furiosi, amministratori onnipresenti che arrivano quasi a sostituire il ricevimento pubblico con la chat, mescolanze tra privato e pubblico che nascondono, volutamente, i rispettivi limiti del rilievo pubblico.Tutto questo  porta Continua a leggere “I social network senza metriche”

La strategia della lumaca: parlare di accoglienza a ragion veduta

Una lunga chiacchierata con una coppia normale che ne ha fatte di straordinarie, scritta per Proposta Educativa n° 4/2019 

Parlare con Mirjam e Ugo è strano. Un po’ perché stiamo per parlare di alcuni dei temi più ruvidi degli ultimi anni, tutti insieme, un po’ perché pur avendone fatte più di Bertoldo sembra che abbiano appena iniziato. È purtroppo sempre più difficile da capire, perché la felicità del singolo è sempre più spesso protagonista a scapito della felicità della coppia (la sociologa americana Pepper Schwartz lo spiega meglio, leggete qualcosa), ma davvero parlando con loro due hai la netta sensazione che abbiano semplicemente fatto quel che gli piaceva di più, naturalmente. Continua a leggere “La strategia della lumaca: parlare di accoglienza a ragion veduta”

Non mi frega niente se fai la differenziata

“Il vero potere appartiene alle persone.”
Greta Thunberg

L’opinione degli scienziati è nota da tempo, anche se qualche mentecatto prova ancora a rinnegarla. In inverno se la gioca con il freddo, provando a fare confusione tra meteo e clima, in estate gli riesce un po’ meno facile. E sui 43 gradi della scorsa settimana a Parigi non sa cosa dire.

Perchè poi la verità la conoscono ormai quasi tutti: noi umani stiamo causando alterazioni gravi e potenzialmente irreversibili al clima, stiamo sostanzialmente arrostendo il nostro pianeta e noi stessi, con il biossido di carbonio. Il report del 2018 dell’Intergovernmental Panel on Climate Change ci ha avvertito: abbiamo 10 anni per cambiare radicalmente il nostro modo di vivere sul pianeta, altrimenti i danni saranno irrimediabili.

Irrimediabili in italiano vuol dire che dopo non c’è più niente da fare. Continua a leggere “Non mi frega niente se fai la differenziata”

Abbiamo vinto, si. Ma il bello deve ancora venire

“Se lo spirito di un ragazzo verte alla bontà
invece che alla crudeltà
può essere merito solo della bellezza,
non della critica sociale,
ma del contatto con la bellezza e la bontà di altre persone.” (Gipi)

Partiamo dall’inizio: abbiamo vinto e sono molto contento perché abbiamo vinto.

Lo dissi ad Andrea (Massari), quando a Febbraio mi chiese se volevo sostenerlo in questa nuova sfida, l’ho detto in giro a chiunque e lo confermo oggi con questa (non troppo) breve analisi del voto: il mio primo obiettivo era quello di contribuire a fermare l’ondata di piena del voto risentito, quello con cui questa destra post berlusconiana sta dilagando in gran parte delle nostre amministrazioni, che son poi quelle dove dovresti faticare, e molto, a trovare del rancore, quelle che dovrebbero sentirsi Continua a leggere “Abbiamo vinto, si. Ma il bello deve ancora venire”

Candidarsi per (quasi) tutta Fidenza

Quando ero giovane (qualche mese fa quindi …) se volevi dire ai tuoi amici che ad una festa c’era veramente tanta gente dicevi che “Oh, ci sarà stata tutta Fidenza”. Lo si diceva in dialetto, ma era un’epoca in cui lo si faceva senza che assumesse un sapore sovranista.

E’ per quello che l’ho usato come slogan per queste amministrative e l’ho collegato alla frase che don Luigi mi aveva detto all’orecchio quando ci siamo visti un mesetto prima delle elezioni, a mo’ di augurio. Continua a leggere “Candidarsi per (quasi) tutta Fidenza”

Antonio Calò a Fidenza, per restare umani

Tutto è cominciato con la tragedia di Lampedusa del 2015.
Quel giorno, dopo quelle 700 morti, sono tornato a casa arrabbiato, deluso e ferito. «Basta, stanno morendo tutti, dobbiamo fare qualcosa».

Non avevamo molto da offrire, solo le porte di casa nostra. La situazione è stata molto particolare perché la prefettura di Treviso cercava alloggio ovunque ci fosse un letto a disposizione. Abbiamo aperto così casa a sei maschi, tutti musulmani. Non era così che l’avevano immaginata, ma adesso non cambierebbero questa vita con nessun’altra.

Continua qui, ma se vieni in piazza Matteotti il 20 maggio la storia te la racconta lui, Antonio. Clicca sull’immagine per ingrandirla.

5 anni in Comune: di come ho salvato il mondo

Se gli altri anni ci ero andato lungo (1°anno, 2°anno, 3°anno) questa volta ho esagerato, ma continuando a recuperare appunti mi son trovato saltare quasi 6 mesi.

Quindi quello che voleva essere un rendiconto del 4° anno si è trasformato in una riflessione, aperta, su 5 anni di volontariato civico. Continua a leggere “5 anni in Comune: di come ho salvato il mondo”

La politica insapore del litigio perenne

 

«Un mondo costruito su ciò che ci è familiare è un mondo
dove non c'è nulla da imparare... (in quanto c'è) un'invisibile
auto-propaganda che ci indottrina con le nostre proprie idee.» (E.Pariser, 2011)

Quando arrivò il mio primo figlio io non ero affatto sicuro di volerlo vaccinare. Avevo letto il libro di un famoso pediatra che sosteneva, con toni pacati e argomenti convincenti, che la nostra società correva veloce verso l’ipermedicalizzazione, con il solo scopo di creare sempre più clienti al posto dei pazienti. Partecipando ad una sua conferenza lo trovai poi estremamente convincente, contestualizzava le sue teorie, descriveva l’invadenza dell’economico su tutto il resto, e la delusione di fronte ad una classe dirigente, pubblica e privata, che non aveva strumenti per opporvisi, e quindi se ne lasciava corrompere. Non essendo medico però […] Continua a leggere “La politica insapore del litigio perenne”