Dalla parte di Tina Anselmi, e di Miley Cyrus

Sono nato maschio, bianco, europeo e in una famiglia benestante. Una compilation di colpi di fortuna che se in pediatria mi avessero regalato un terno me la sarei giocata peggio. Sempre che il terno sia la combinazione più ambita, chè non ho mai giocato al lotto in vita mia. A rigor di logica avrei dovuto essere pure io uno di quei maschi “che non deve chiedere mai” , ma evidentemente non ne avevo la stoffa.

Ricordo che da ragazzi, quando alcuni sceglievano sport o pratiche “diverse”, che fossero la pallavolo al posto del calcio o la cucina o addirittura il ballo, Continua a leggere

Annunci

Facebook – Consiglio Comunale: 1 – 0

Citano Voltaire a caso*, il quale poveretto fa ormai a gara con Machiavelli e Oscar Wilde per le citazioni ad minchiam in quest’epoca cialtrona, ma la verità è che il Consiglio di ieri sera 20 novembre 2017 è stata la plastica dimostrazione di cosa possa diventare una ben architettata struttura democratica se lasciata nelle mani di alcuni pusillanimi.

I Consigli Comunali esistono per via di un testo unico che prevede un regolamento. So che suona barboso, ma serve moltissimo. Permette, qui come altrove, che la discussione si stacchi dal clima da orgia elettoralistico faziosa in cui siamo immersi dal 2014, quel mood a cui ormai siamo abituati (è sbagliatissimo, lo so) che trasforma un “ti sputo in faccia”  o un “ti aspetto fuori” in petizioni di Continua a leggere

A me non me ne frega un ca… (*): il 3 anno in Comune

Che sia maledetto quel potere che mette gli uni contro gli altri i miserabili

Ci sono momenti in cui è facile sedersi dalla parte dell’odio o anche solo assecondarlo. Basta tacere. Assecondare tutto quello che ti suggerisce che è meglio un profilo basso, focalizzato sull’operativo. E aderire così al lento declino culturale e civile (e quindi politico) che viviamo.

Ma questo Paese per come lo abbiamo conosciuto negli ultimi 70 anni è esistito perché al tempo qualcuno decise di non arrendersi, nonostante fosse minoranza.
Anche prima di salire in montagna.
Forse perché non esistevano i sondaggi che oggi costringono molti eletti ha ragionare sui consensi che gestiscono (che sono evidentemente impauriti, al limite della psicosi, vicini al collasso democratico), e non su quel che serve alla comunità che han l’onore di  Continua a leggere

Gli accordi di Parigi e la politica che parla di ambiente

I leoni della minoranza si stanno divertendo da ormai 3 giorni sui social commentando l’Ordine del Giorno del 3 luglio. Un ordine del giorno effettivamente strano perché al pari di altri presentati negli scorsi mesi in verità non comporta alcuna delibera amministrativa, non permette alcuna inaugurazione, non s’ingrazia nessuno, né tanto meno lo sbeffeggia. Continua a leggere

La Chiesa (di don Carlo Mazza) è di tutti

Mancherà don Carlo, mancherà a questa città, a questa comunità e mancherà a me, soprattutto quando le luci dei riflettori si spegneranno. Oddio, sembra che sia morto… e invece è andato solo in pensione (come se potesse farlo).

Di quel che ha fatto per questa città, per questa popolo, han già detto quasi tutto, io aggiungo solo un tassello, legandomi ad un ricordo che risale a quando ancora non lo conoscevo bene. Fidenza è stata, assieme a poche altre Diocesi italiane pioniera nell’utilizzo di strumenti innovatori dei metodi pastorali, come il microcredito. In una delle prime Lettere Pastorali Mons. Mazza scrisse: “Occorre ricostruire la prossimità, i legami forti, la vicinanza calda e simpatica, la socialità amica, le buone abitudini di frequentarsi, l’anelito di abitarsi oltre il deserto dei condomini.”

Era il 2009 e papa Francesco era ancora un cardinale. Continua a leggere

Servirebbe un abbraccio

La scorsa settimana l’ONU ha lanciato l’ennesimo allarme per la situazione in Yemen, Somalia, Sud Sudan e Nigeria definendola come «la più grave crisi umanitaria dalla fine della Seconda guerra mondiale»Stephen O’Brien, sottosegretario generale per le questioni umanitarie ha dato una definizione tecnica del termine “carestia” che mi ha colpito: quando almeno il 20% delle famiglie non ha più cibo, quando più del 30% soffre di malnutrizione in maniera grave e quando più di 2/10mila persone muoiono ogni giorno di fame, allora è carestia.

Ho pensato che se io avessi avuto in “sorte” di nascere in Sud Sudan, o abitassi in Yemen (dove dal 2015 una guerra molto violenta contro i ribelli sciiti Houthi ha ucciso più di 10mila civili, e ne ha affamati 19 milioni), o mia moglie patisse la fame e la sete come le donne Somale, se i miei figli fossero nelle condizioni in cui si trovano i Siriani, ecco io credo che farei qualsiasi cosa per andarmene. Qualsiasi. Continua a leggere

Un piccolo bilancio di mandato da segretario del Pd

Di Giuseppe Pellizza da Volpedo - Associazione Pellizza da Volpedo, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=2588195

questo è dietro il tavolo del segretario

Sono stato eletto segretario del Partito Democratico di Fidenza nel 2013. Il documento sul quale chiedemmo il voto (nel gergo dei partiti si chiama mozione) era questo qui (Segreteria 2013 documento di candidatura).

Non essendo io quello che si potrebbe definire “un uomo di partito” era evidentemente una “candidatura con un’autorevolezza di scopo”. Vuol dire che la situazione era così compromessa che serviva qualcosa di diverso, un percorso laterale che  Continua a leggere

Se tutto vale niente vale

Ierisera (il 6 marzo 2017, NdA) è stata richiesta dalle minoranze una seduta di Consiglio Comunale per discutere delle minacce ricevute da Andrea Massari sui social network lo scorso novembre. C’era già stata una risposta ad interrogazione urgente presentata dal M5S e da Rete Civica, il 16 novembre scorso, ma evidentemente non è bastata. È un loro diritto e quindi noi siamo qui presenti, ma è anche nostro diritto affermare che questo Ordine del Giorno rappresenta una grande occasione persa. Continua a leggere